Crea sito
martedì, 2019-10-15





Delitti pitagorici PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 17 Agosto 2009 18:00

Un doppio giallo e due delitti a distanza di millenni per salvare una certa idea della matematica e della conoscenza. Gli sfondi socio-culturali della scuola pitagorica e di inizio Novecento a partire dal congresso di matematica di  Parigi.

Ad Atene,nel suo modesto appartamento viene trovato morto Stèfanos Kandartzìs, un insegnante di matematica di liceo. A riconoscere il cadavere è il suo migliore amico, Mihail Igherinòs. I due si erano conosciuti nell'estate del 1900 a Parigi durante il Congresso di Matematica ed avevano stretto amicizia tra loro e con un gruppo di intellettuali e artisti dell'epoca, fra cui Picasso.  Le opinioni dei due aspiranti matematici divergevano su una questione nodale perchè Stèfanos era convinto dell'esistenza di un algoritmo che avrebbe risolto uno dei 23 problemi sollevati durante il Congresso da Hilbert e dato alla matematica basi certe, mentre Mihail sosteneva, invece,che questa eventualità avrebbe reso la matematica priva della propria dimensione creativa e del proprio fascino..........

Intrecciata con questa storia quella di Ippaso da Metaponto, fatto assassinare dai pitagorici, per non rivelare la scoperta dei numeri irrazionali.

Autore : Tèfkos Michailìdis -professore di matematica in un liceo greco.

Ultimo aggiornamento Domenica 15 Maggio 2016 16:09